Pubblicato il da
Gerontologia, Salute e Nutrizione

La curcumina ha effetti benefici sulla memoria e migliora lo stato d’animo

La curcumina è il composto attivo che si trova nella Curcuma Longa, pianta originaria dell’Asia sud-orientale e largamente impiegata come spezia soprattutto nella cucina indiana, medio-orientale e thailandese.

Molti studi fino ad oggi hanno evidenziato il possibile potere terapeutico di questo composto per diverse malattie come il cancro e il diabete.

Continua a leggere

Pubblicato il da
Gerontologia, Salute e Nutrizione

Cancro, nutrizione e chemioterapia

Secondo uno studio di Harvie del 2016, pubblicato sul Breast Cancer Research, la Restrizione Calorica (RC) ed una riduzione cronica dell’apporto energetico di circa il 30% senza insorgenza di malnutrizione, è un intervento dietetico di ampia efficacia che riduce significativamente l’adiposità e l’infiammazione e migliora i profili metabolici sia negli esseri umani che nelle cavie non obese. Studi preclinici su modelli animali dimostrano che la RC prolunga la durata della vita e determina insorgenza ritardata di malattie legate all’età, tra cui: cancro, diabete di tipo II, malattie cardiovascolari e neurodegenerative.

Continua a leggere

Pubblicato il da
concorso “Olimpiadi FUNIBER”
Ambiente, Architettura e Design, Formazione Insegnanti, Gerontologia, Gestione Aziendale, Salute e Nutrizione, Sport, Tecnologie Informatiche

Iscrizioni aperte per le Olimpiadi FUNIBER

Cominciano oggi le Olimpiadi FUNIBER, un concorso internazionale con lavori originali creati da studenti ed ex-studenti di FUNIBER. Il vincitore si porterà a casa un tablet e una borsa dell’80% per studiare uno dei Masters patrocinati da FUNIBER.

Continua a leggere

Pubblicato il da
Gerontologia, Salute e Nutrizione

Obesità: predestinazione ad accumulare grasso?

Una domanda che spesso si pongono tutti i professionisti che ruotano intorno al paziente obeso.

Ora pur rimanendo una questione poco chiara c’è qualcosa di nuovo che è stato presentato recentemente all’European College of Neuropsychopharmacology.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’Università di Granada in collaborazione con Monash in Australia, su 39 obesi vs 42 normopeso.

Continua a leggere